NATURALE, VERAMENTE?

a cura di Comunicazione Scientifica Aboca

Che cosa è naturale, davvero naturale, e che cosa invece non lo è? Parlare di Vitamina C è una maniera per affrontare questa questione, centrale sul piano teorico ma anche per i suoi risvolti concreti, di salute.

Tutti conosciamo la Vitamina C. Tutti la assumiamo. Tutti pensiamo di comprenderne il funzionamento e gli effetti. Ma è davvero così? Ecco una guida alle sue proprietà e alle sue funzioni. 

Che cos’è la Vitamina C
L’acido ascorbico o Vitamina C – fondamentale per il mantenimento della salute di tutte le cellule e i tessuti – è un micronutriente essenziale per il nostro organismo. È anche il supplemento alimentare più utilizzato al mondo.

A cosa serve la Vitamina C
Le funzioni che la Vitamina C svolge nel nostro organismo sono davvero tante.
La più conosciuta è quella di contribuire alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo contrastando i danni causati dai radicali liberi, le sostanze responsabili dell’invecchiamento cellulare. Svolge anche un ruolo nella formazione del collagene, coinvolto nella crescita e riparazione delle cellule distrutte, ed è una componente fondamentale di ossa, cartilagini, denti, gengive, pelle e vasi sanguigni.
Contribuisce poi al benessere del sistema immunitario, risultando particolarmente utile durante la stagione invernale. Nei periodi di stress, favorisce la riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e coadiuva il sistema nervoso (è necessaria per la sintesi di alcuni neurotrasmettitori). Partecipa alla sintesi della L-carnitina, molecola coinvolta nel metabolismo dei grassi, ed è importante nella sintesi degli ormoni che regolano la risposta alle situazioni di stress. Infine, è in grado di migliorare l’assorbimento del ferro, in particolare quello presente negli alimenti di origine vegetale, il cosiddetto “ferro non eme” (cioè ferro che non è legato all’emoglobina) che è poco biodisponibile.

La Vitamina C è prodotta dal nostro organismo?
Non riusciamo a sintetizzarla in autonomia, dobbiamo procurarcela attraverso l’alimentazione.

Quali sono le principali fonti di Vitamina C?
Com’è noto, frutta e verdura sono gli alimenti più ricchi di Vitamina C. In particolare, quelli che ne contengono di più sono l’acerola, i kiwi, tutti gli agrumi, i frutti rossi (more, lamponi mirtilli), le fragole, il melone, la papaya, i peperoni, i broccoli, i cavoli, la paprika, la rosa canina e tutte le verdure a foglia verde come gli spinaci.
Il contenuto di Vitamina C negli alimenti rimane elevato se mangiati freschi; una cattiva conservazione e soprattutto le alte temperature della cucina riducono, fino ad annullarla, l’attività benefica della Vitamina C.

E se non ne assumiamo abbastanza?
Un apporto inadeguato, soprattutto se per periodi prolungati di tempo, può avere conseguenze negative per la salute. La carenza di Vitamina C può manifestarsi con sintomi quali stanchezza, affaticamento, maggiore predisposizione alle infezioni e ridotta capacità di guarire le ferite, dolori articolari, secchezza di pelle e capelli, facilità alla formazione di lividi, perdita di sangue dal naso.

Quali sono le possibili cause della carenza di Vitamina C?
Le principali cause di carenza di Vitamina C possono essere: diete sbilanciate povere di frutta e verdura fresche, le conseguenze di malattie come ad esempio quelle infiammatorie, stress psicofisico e inquinamento. Alcune condizioni quali gravidanza e allattamento, fumo, stress, febbre alta possono aumentare il fabbisogno giornaliero di Vitamina C da parte dell’organismo. In questi casi può essere utile assumerla anche attraverso l’integrazione.

Quanta e come?
C’è la convinzione che sia necessaria un’integrazione di alte dosi di Vitamina C, mentre il quantitativo che il nostro organismo riesce ad accumulare è molto limitato (1,2- 2 g) e tutta quella assunta in eccesso viene prontamente eliminata per via renale. Recenti studi dimostrano che oltre i 200 mg di dosaggio giornaliero l’assorbimento di Vitamina C cala drasticamente e che la quota non assorbita può causare disturbi intestinali.
Generalmente gli integratori forniscono Vitamina C in forma di acido ascorbico o ascorbato prodotti per sintesi chimica e consigliati a dosaggi di 500-1000 mg al giorno.
L’alternativa è rappresentata da integratori di Vitamina C di origine naturale.
Una delle fonti naturali più ricche di Vitamina C è l’acerola (Malpighia punicifolia), una pianta arbustiva originaria del centro America (ne contiene fino a 50 volte più degli agrumi). Dai suoi frutti raccolti immaturi si ottengono estratti ricchi di questa preziosa sostanza e non solo.

Quali sono le differenze fra Vitamina C di sintesi e naturale?
Per capire bene la differenza tra la vitamina c di sintesi e quella naturale occorre sapere che la natura è una fonte inesauribile di molecole ed è capace di “caratterizzarle” in maniera unica attraverso la proporzione tra i diversi tipi di atomi che le compongono. Per cui è possibile distinguere un prodotto di sintesi chimica da uno naturale analizzando gli atomi isotopi che costituiscono le molecole contenute nelle formulazioni. Per esempio, la vitamina C naturale estratta da acerola rispetto alla vitamina C di sintesi viene caratterizzata dalla natura attraverso una differente proporzione tra atomi di carbonio (carbonio 12/carbonio 13) e di ossigeno (ossigeno 16/ossigeno 18). Ciò oggi può essere verificato attraverso analisi di laboratorio e si traduce nel fatto che l’acido ascorbico di origine naturale da Acerola presenta una quantità minore di Carbonio 13 e una quantità maggiore di Ossigeno 18 in confronto alla Vitamina C di sintesi.
Un altro aspetto che caratterizza la vitamina C completamente naturale è che, insieme ad essa, durante il processo estrattivo vengono estratte anche un insieme di classi di sostanze, tra cui flavonoidi, che proteggono la stessa vitamina C dall’ossidazione, ne migliorano la biodisponibilità per l’organismo e il potere antiossidante.
Questo la distingue da quella artificiale che invece viene ottenuta per via sintetica attraverso un processo di idrogenazione, doppia fermentazione e l’utilizzo di reagenti chimici quali Acido 2-cheto-L-gulonico, Metanolo, Acido Solforico concentrato e NaHCO3.
Infine, grazie alle analisi basate sulle scienze cosiddette omiche (metabolomica, trascrittomica e proteomica) si può apprezzare come la vitamina C da Acerola nel contesto del relativo complesso molecolare siano in grado di modulare positivamente uno spettro più ampio di funzioni biologiche rispetto alla sola vitamina C di sintesi isolata.

Per un approfondimento sulle differenze fra Vitamina C naturale e di sintesi

La discussione su che cosa è veramente naturale continuerà su Aboca Life Magazine. A presto!

0 Shares:
You May Also Like
Leggi di più

I MUSEI ALLA PROVA DEL FUTURO

di Guido Guerzoni In un mercato dell’attenzione sempre più affollato, da tempo i musei  hanno cominciato a trasformarsi.…
Leggi di più

IL VIRUS VISTO DAL 2050

di Fritjof Capra e Hazel Henderson Come sarà il mondo dopo la pandemia? Clima, industrie, energia, trasporti, città,…
Leggi di più

AMBIENTE, TI ASCOLTO!

di Giovanna Zucconi Piccola guida ai podcast su sostenibilità, economia circolare, clima: una bella maniera per approfondire i…
Leggi di più

CARMINE E IL FICO

di Giovanna Zucconi Un bambino e un fico, nella Calabria di una generazione fa. Povertà e sapori, emigrazione…