IL VACCINO “SOCIETÀ BENEFIT”

Dal 2016 in Italia esiste uno status giuridico d’impresa che ha il potenziale di ridefinire il corso del capitalismo, creando valore per le aziende stesse ma anche per le comunità, per la società e per il pianeta. Non solo profitto: così le Società Benefit contribuiranno a risolvere le grandi sfide ambientali e sociali. In Italia sono già quasi 1000 e stanno mostrando il volto migliore della nostra imprenditoria.

Cinquant’anni fa la dottrina di Milton Friedman, in base alla quale le imprese socialmente responsabili devono concentrarsi sull’unico obiettivo di massimizzare il valore creato per i loro azionisti, fu presentata al mondo. L’imperativo per i manager diventò dunque quello di concentrarsi esclusivamente su una sola variabile: il profitto. L’interpretazione monoteista introdotta da Friedman, che è espressione del paradigma che ha dominato l’umanità e il pianeta negli ultimi 50 anni, violava però inconsapevolmente le leggi della fisica: nulla può crescere all’infinito in un sistema finito e qualsiasi sistema complesso che massimizzi una singola variabile inevitabilmente accelera fino ad autodistruggersi.
Non venivano considerate due variabili fondamentali: le persone e il pianeta
. Oggi ne pagano il conto la società, in particolare le generazioni future, e la biosfera.

Mentre il mondo accademico e larga parte delle strutture legislative e di governance che regolano l’economia mondiale hanno sposato questa dottrina, alcuni imprenditori in diverse parti del mondo hanno deciso di seguire strade più innovative, andando oltre il primato degli azionisti e considerando l’impresa un sistema vivente e interdipendente, che prospera se attorno a sé prosperano anche gli altri.
Oggi, seguire questo esempio, evolvendo da paradigmi economici ‘estrattivi’ a ‘rigenerativi’ è probabilmente la più importante sfida nella storia dell’umanità. I primi prendono più valore di quanto ne generino e lo concentrano sempre di più a scapito della società e del pianeta, mentre i secondi sono al servizio degli esseri umani e della vita sulla Terra. Un’attività economica che prenda o distrugga più valore di quanto ne crei dovrebbe essere bloccata e resa illegale.

Nel 2016 l’Italia è diventato il primo Stato dopo gli USA a introdurre lo status giuridico di Società Benefit (o Benefit Corporation) che identifica le aziende a duplice finalità, ovvero quelle che intendono perseguire finalità di impatto positivo su società e ambiente oltre al profitto. Oggi questo status giuridico è stato introdotto, oltre che in 37 Stati degli USA, anche in Colombia (2018), Porto Rico (2018), Ecuador (2019), Canada – British Columbia (2019), Perù (2020) e Ruanda (2021) e in più di altri 10 paesi è in corso l’iter legislativo per l’approvazione di una legge ad hoc. In Europa, solo la Francia nel 2019 ha introdotto la cosiddetta Société à Mission che, pur essendo caratterizzata da differenze significative rispetto al modello internazionale di Benefit Corporation, possiamo considerare vicina per valori e impianto di base.

Quasi 1000 aziende italiane hanno già scelto di modificare il loro status legale da semplici Srl o Spa, acquisendo la qualifica di Società Benefit. Aziende come illycaffè, Aboca, Chiesi Farmaceutici, Davines, Novamont, EOLO, Save the Duck, Florim, Danone Italia, hanno deciso di proteggere la loro vocazione e inserire nello Statuto le finalità di Beneficio Comune che si impegnano a perseguire, accanto al profitto, nei confronti dei diversi portatori d’interesse, differenziandosi così delle aziende tradizionali “non benefit” che hanno l’unico scopo di generare utili per gli azionisti.

Nell’ultimo anno di crisi sanitaria e sociale moltissime aziende stanno mostrando il volto migliore dell’imprenditoria italiana e stanno contribuendo attivamente con azioni forti e concrete a supportare le comunità in cui operano. Ma perchè non farlo anche fuori dai momenti di crisi? Perchè non farne una caratteristica fondativa e continuativa del proprio operato?

Nella lettera che nel gennaio 2020 ha mandato a tutti i CEO delle aziende partecipate, Larry Flynt del fondo d’investimento americano BlackRock scrive: Più l’impresa che Lei dirige riuscirà a dimostrare il proprio scopo nel generare valore per i propri clienti e dipendenti e per le comunità di riferimento, più diventerà competitiva e potrà generare profitti duraturi a lungo termine per gli azionisti.” Questa affermazione sancisce la fine di un’epoca e l’inizio di una radicale trasformazione dei modelli economico-finanziari. Le Società Benefit sono progettate proprio per includere gli stakeholder nel modello di creazione di valore e quindi sono per natura allineate con la nuova visione dei più importanti investitori.

Tutte le aziende italiane, pubbliche e private, hanno dunque la grande opportunità di compiere questo passo evolutivo e contribuire così alla risoluzione delle grandi sfide sociali e ambientali del nostro tempo.
Senza il business non riusciremo ad affrontarle. Con le Società Benefit potremo vincerle.

Eric Ezechieli e Paolo Di Cesare sono i co-fondatori di Nativaprima Benefit Corporation (2012) e B Corp (2013) in Europa, vincitrice di svariati premi e riconoscimenti. 

Paolo Di Cesare era già intervenuto sul tema delle B Corp su Aboca Live Magazine: qui il suo articolo dell’anno scorso. Insieme, stanno scrivendo un libro sul movimento delle B Corp.

3 Shares:
You May Also Like
Leggi di più

IMPARIAMO DALLE FORMICHE

di Susanne Foitzik e Olaf Fritsche Come noi umani, le formiche vivono in società, comunicano, coltivano giardini, tendono…
Leggi di più

AMBIENTE, TI ASCOLTO / 2

di Giovanna Zucconi Dopo quelli italiani, ecco una selezione di podcast sulla sostenibilità in inglese. Tutti ne parlano,…
Leggi di più

BIANCO NATALE, VERDE NATALE

di Giovanna Zucconi È il periodo dell’anno dedicato al dono, all’abbondanza, purtroppo anche allo spreco. E se per…
Leggi di più

AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ

di Fritjof Capra e Pier Luigi Luisi Intelligenza artificiale, bio-ingegneria, pandemie, crisi climatica. Quali strumenti permettono di comprendere…